ABITAREIN – Cresce la richiesta di case green. L’Ad Grillo: “Rispondiamo a questa domanda”


“La società da sempre orienta il business su progetti sostenibili”

 

La nuova direttiva europea sull’efficientamento energetico degli edifici sembra aver cambiato le preferenze di acquisto di chi cerca una casa. Secondo il sondaggio Swg, commentato da Il Sole 24 Ore, il 56% di coloro che vogliono acquistare un immobile preferisce le abitazioni di classe A. La maggioranza, il 55%, non vuole acquistare case con valori energetici bassi, come E e G.

La notizia è positiva per tutte le società come AbitareIn , leader milanese nello sviluppo residenziale.

Come dichiara a Websim l’Ad Marco Grillo, la società orienta da sempre il business su progetti sostenibili: “L’efficienza energetica è un aspetto sempre più presente tra le priorità di chi si appresta ad acquistare casa. Il patrimonio edilizio esistente nel nostro Paese è rimasto molto indietro rispetto alle nuove esigenze, le quali invece sono poste al centro dell’attività di rigenerazione urbana che, oltre a garantire i più elevati standard di efficienza energetica, apporta inestimabili benefici ai centri abitati e a chi li vive. AbitareIn risponde a questa domanda, diventata ormai una necessità sempre più pressante, con i suoi numerosi progetti, tutti in elevatissima classe energetica, che ri-nascono dalla demolizione di vecchi edifici dismessi. Penso, ad esempio, ad Abitare In Maggiolina, Trilogy Towers, Lambrate Twin Palace, Palazzo Naviglio, BalduccioDodici… solo per citarne alcuni; tutti progetti sorti dalla demolizione di edifici obsoleti e che riescono ad offrire alle famiglie di oggi appartamenti in classe energetica a partire dalla A2 a salire.”

La direttiva Ue sulle case green, che ancora deve essere approvata e recepita dagli Stati membri, impone ai proprietari di case di raggiungere almeno la classe energetica E entro il 2030. In Italia, il 60% degli immobili è nelle due classi meno efficienti, la F e la G.

Fonte: il Sole 24 Ore