Dai dati ai progetti: ecco come AbitareIn crea valore sostenibile!


Costi, energia, consumi, sostenibilità… sono tra i protagonisti indiscussi di conversazioni e notizie, soprattutto in questi ultimi tempi.

Secondo un rapporto Istat*, in Italia ben l’81,9% delle case ha un impianto di riscaldamento, centralizzato o autonomo, che impiega il gas metano come combustibile. Nei mesi freddi il Nord ha il primato: l’88,6% delle famiglie lascia il sistema di riscaldamento acceso quasi tutti i giorni, per circa 8 ore e mezza. Questo si traduce in una bolletta del gas per il riscaldamento che pesa notevolmente nel bilancio familiare.

Ma parliamo, nello specifico, della città di Milano ora…

Nel capoluogo lombardo solo il 30% delle abitazioni (poco più di 240.000 unità) possiede una certificazione energetica.

La classe energetica di un immobile corrisponde all’APE (Attestato di Prestazione Energetica): comprende tutti i servizi centralizzati ed autonomi (caldaie, pompe di calore…) ed indica la qualità energetica e il consumo  in base ad alcuni parametri che sono determinati dalla località in cui si trova lo stabile, dalla sua forma (rapporto S/V, ovvero tra superficie disperdente – pareti esterne, coperture, solai controterra – ed il volume climatizzato), dall’orientamento, dalle caratteristiche termiche e, ovviamente, dalle abitudini degli abitanti.

Grafico classi energetiche. Dalla più efficiente, A4, alla meno, G.

Un appartamento in classe G, la peggiore di tutte, richiede un elevato consumo energetico poiché non aderisce ad alcun parametro di efficienza, causando una bolletta cara e di conseguenza un considerevole impatto sull’ambiente, arrivando a costare ogni anno fino a € 45,00 per mq.

Salendo nella classifica, un immobile in classe F richiede un esborso di circa €38,00 per mq all’anno. Ovviamente meno di una classe G, ma è comunque elevato e per nulla conveniente.

Ma quanti sono in classe G e F? Purtroppo, sul territorio meneghino sono la maggior parte, oltre il 51% di quelli che possiedono una certificazione energetica. Per lo più sono presenti, in quegli edifici, impianti obsoleti per quanto riguarda la generazione e distribuzione di calore; assenza, o non sufficiente presenza, di pannelli coibentati al livello esterno o interno delle pareti o del tetto della struttura; assenza di sfruttamento delle fonti rinnovabili.

Tutto questo si traduce in un maggior consumo (dunque maggiori costi) di riscaldamento nei mesi freddi e di raffrescamento nei mesi caldi. La situazione, in alcune circostanze, si aggrava ulteriormente: a chi capita di pagare costi elevati del riscaldamento avendo comunque la casa fredda? In questo caso, l’umidità è complice degli infissi non adeguati.

Le classi G e F non sono le ultime nella classifica. Le classi che vanno dalla E alla B rappresentano un’altra fetta importante degli immobili milanesi (42%).

Questo perché solo il 7% è in classe energetica A!

Una classe energetica A presenta un consumo circa 10 volte inferiore ad una classe energetica G.

Foto del progetto concluso Abitare In Maggiolina.
Render, esterno del progetto Lambrate Twin Palace.
Render, esterno del progetto Trilogy Towers.

Il prodotto casa AbitareIn è generalmente superiore alla classe energetica A1: infatti per gli appartamenti in classe A2 le spese annue previste sono di circa €16,00 per mq, quelli in classe A3 arrivano a € 13,00 per mq all’anno.

Com’è possibile?

AbitareIn è nata nel 2015 proprio con la volontà di rigenerare aree urbane dismesse sviluppando progetti residenziali con grandi performance energetiche.

La Ventilazione Meccanica Controllata che assicura il costante ricambio d’acqua, il controllo dell’umidità e il filtraggio di batteri e polvere; il recupero dell’acqua piovana; il contenimento dei consumi; l’intonaco mangia-smog; i pannelli fotovoltaici; l’utilizzo del Twix®: materiale costituito da fibre di legni duri rigenerati e dunque ad impatto zero sulla deforestazione; … sono solo alcune delle soluzioni adottate nei vari progetti firmati AbitareIn che permettono di raggiungere l’elevata classe energetica, plus pensati per migliorare la vita quotidiana degli abitanti e del quartiere, portando anche l’aggiunta di nuove aree a verde.

Consapevole del fatto che ci sia ancora molto da fare per la nostra città e per soddisfare la forte domanda del mercato, AbitareIn cerca di aumentare di volta in volta il proprio contributo per un domani più sostenibile.

*Report dati anno 2021

Fonti:

https://www.istat.it/it/files/2022/06/REPORT-CONSUMI-ENERGETICI-FAMIGLIE-2021-DEF.pdf

https://www.certificato-energetico.it/articoli/prestazione-energetica.html

https://www.assindustria.fg.it/classe-energetica-a4a3-a2-a1-b-c-d-e-f-g/#Classe_Energetica_F